La Côte d'Afrique

In un lembo di terra a sud ovest dell'isola si incontrano l'Africa e la Sicilia, separate da una sottile striscia di mare.

Cote d'Afrique

Qui esiste un habitat unico e distintivo, figlio di in un processo di continua osmosi tra i due territori: componenti africane e siciliane si prendono e si intersecano virtuosamente. Il territorio è selvaggio, incontaminato, di una bellezza rara e sorprendente. "il territorio di Menfi." questa la "Costa d'Africa" di Sicilia, caratterizzata dalla limpidezza delle acque e dagli incantevoli scenari naturali che esaltano un territorio, integro nelle sue valenze ecologiche e spezzando, con la bellezza dei paesaggi, la componente agreste dei campi coltivati.

Cote d'Afrique 2

I terreni sono ora aridi, ora fertili, il litorale è il regno di scarabei, dei gechi e delle chiocciole del deserto. Le agavi spinose e le piante grasse cactacee crescono spontaneamente sulla spiaggia. Una natura, quasi incontaminata, bagnata da un mare dalle tinte variegate.

Cote d'Afrique 3

Gli aironi, le allodole, i tordi edi germani reali migrano da qui verso l'Africa all'inizio della stagione invernale, per fare ritorno a primavera.

Cote d'Afrique 4

Componenti africane come le temperature e la luce sono ideali per la coltivazione della vite: il clima è secco ed asciutto, la luce forte, intensa e a volte abbagliante. Le variazioni di calore e la vivida luce, le pendenze dei terreni, l'influenza del mare, i venti caldi del sud, sono elementi che si incrociano, rendendo questa zona particolarmente vocata per la viticoltura. 

Cote d'Afrique 5

Questi elementi, insieme alle moderne tecniche di allevamento della vite, ispirano la crescita delle uve e ne elevano notevolmente la qualità. Nascono così in queste terre vini particolarmente freschi, sapidi e fruttati. Tra questi il Fiano, solare cultivar del sud d'Italia, che qui esprime una fantastica aromaticità.

Cote d'Afrique 6

I vigneti sono ubicati a 150/300 metri sul livello del mare, su terreni argillosi ed a medio impasto. Le uve vengono vendemmiate manualmente a metà agosto e vinificate in acciaio. Il risultato è un vino dal colore giallo scarico, dai riflessi verdognoli, fragrante al naso e con un buon equilibrio tra acidità e freschezza, dai sentori di agrumi, pesca bianca ed albicocca matura. Si abbina a tutti i piatti a base di pesce azzurro, insalate di riso e carni bianche. La temperatura di servizio consigliata è di10 / 12 °C.

Cote d'Afrique 8

Altro bianco, figlio di una attenta sperimentazione in vigna, è il Viognier, moderno ed elegante, con la sua nota finale di mandorla amara. La coltivar internazionale di recente importazione - la prima vendemmia risale infatti al 2004 - si è perfettamente acclimatata in queste zone, dove le piante si estendono su vigneti pianeggianti esposti a sud/sudovest, su terreni calcarei ed a medio impasto. La maturazione delle uve è molto precoce, infatti la raccolta, manuale, avviene la prima settimana del mese di agosto.

Cote d'Afrique 9

Dopo la diraspatura, le uve subiscono un processo di criomacerazione a basse temperature, al fine di mantenere i profumi, quindi vengono vinificate in silos di acciaio. Nasce così un vino dal colore giallo paglierino carico, con bella struttura e grande freschezza. 

Cote d'Afrique 11

Al naso ed al palato si sprigionano sofisticati sentori di biancospino, frutto della passione e mango. Secco e sapido, ama accompagnarsi con sushi, piatti a base di pesce e carni bianche.

Cote d'Afrique 12

Qui si alleva anche lo Chardonnay, fruttato e rotondo, dalle note tropicali che si fondono con gli agrumi di Sicilia. È il pioniere di tutte le varietà internazionali "di Sicilia": i primi vigneti sono stati impiantati, proprio a Menfi, oltre venti anni fa. 

Cote d'Afrique 14

Oggi si estendono su terreni pianeggianti esposti a sud/sud est, esprimendo particolari profumi e mineralità grazie al suolo calcareo ed allíinfluenza del mare.

Cote d'Afrique 15

Le uve, delicate e sensibili alla calura, vengono raccolte a mano all'inizio del mese di agosto, e vinificate in serbatoi in acciaio. 

Cote d'Afrique 16

Ne deriva un vino avvolgente e morbido, dal colore giallo paglierino intenso dai riflessi dorati, con grande equilibrio tra acidità e sapidità. Si accompagna a crudità, primi a base di pesce, crostacei alla griglia, formaggi a pasta media.

Cote d'Afrique 17

en it